Anticorruzione: parte la rivoluzione “copernicana” di Cantone

Avviare una collaborazione stabile tra ANAC, Prefetture, Uffici Territoriali del Governo ed Enti Locali, per prevenire la corruzione e attuare la trasparenza amministrativa. Questa la finalità delle Linee Guida contenute nel protocollo d’intesa firmato il 15 luglio 2014 dal presidente dell’ANAC Raffaele Cantone e dal Ministro dell’Interno Angelino Alfano.

 
 
Tra le principali novità di quella che lo stesso Cantone ha definito una “rivoluzione copernicana”:

• perdita immediata del contratto per il titolare di una ditta che finisce in carcere o viene rinviato a giudizio per corruzione;
• nuovo ruolo centralissimo dei prefetti come braccio territoriale dell'Autorità Nazionale Anticorruzione;
• commissariamento della ditta “incriminata”, che consente la prosecuzione dei lavori in modo da non arrecare danno alla collettività.
 
Scarica le Linee Guida